Come fotografare la ISS

Osservare il passaggio della Stazione Ppaziale Internazionale (ISS) è davvero emozionante.
La Iss è stata la casa di Samantha Cristoforetti per ben 199 giorni e in quel periodo vederla passare sopra i nostri cieli era ancora più coinvolgente.
Quando la nostra parte di Terra si trova in ombra, ma i raggi del sole illuminano l’avamposto umano nello spazio è possibile vederla solcare il cielo come un punto più o meno luminoso.
La misura della luminosità è in Magnitudine (se volete approfondire vi rimando necessariamente a wikipedia), ma per il momento ci basti sapere che più il valore è basso e tendente al negativo maggiore sarà la luminosità.

 

Come fotografare la ISS? La preparazione prima dello scatto

La prima cosa da fare è procurarsi un app per il nostro smartphone che ci indichi tutti i passaggi.
Io ho optato per Iss Detector
Qua per Iphone.
Qua per Android

È un’app molto precisa e gratuita, rileva automaticamente la nostra posizione e ci dice quando sarà il prossimo passaggio (con conto alla rovescia) e comprende un radar che indica in che porzione di cielo avverrà l’avvistamento.

Nel tardo pomeriggio di Natale era previsto un passaggio molto luminoso (Mag -3.6) che iniziava alle 17.31
Controllata la posizione iniziale a spanne, mi sono accorto che poco distante da casa avrei avuto modo di sfruttare la presenza di un enorme castagno. Con un po di fortuna la stazione si sarebbe materializzata proprio dietro di esso.
Così rubata la Panda 4×4 di mio suocero mi sono fiondato nei boschi.
È consigliabile arrivare sul posto qualche minuto prima in modo di avere tutto il tempo per posizionare il cavalletto, fare alcuni scatti di prova per l’esposizione, la messa a fuoco e la composizione.
Visto l’orario mi sono accorto subito che non sarebbe stato uno scatto eccellente: le stelle in cielo era davvero poche e la luce del dopo tramonto era ancora un po’ troppa.

Per fotografare la stazione e produrre la “scia luminosa” ovviamente si scatta con una lunga esposizione, il che non è propriamente compatibile con una forte presenza di luce.
Nonostante l’incredibile fortuna di vedere comparire la ISS proprio dietro l’enorme albero e l’entusiasmo nel avere “azzeccato” la posizione il risultato non è stato così bello come immaginavo.

Iss-(scatto-originale)

Il compromesso per avere la corretta esposizione sui 30 secondi posa mi ha portato ad avere la scia della stazione non così visibile come avrei voluto.
Poco male, si può rimediare in Postproduzione:

Aprendo l’immagine in Photoshop, e ragionandoci sopra ho deciso di provare un taglio “quadrato” per eliminare tutta la confusione del bosco e concentrare l’attenzione sui grandi rami del castagno e sulla scia luminosa.
Dopodiché ho valutato le possibili vie per enfatizzare il bianco.
Ho pensato che una strada abbastanza rapida è quella di utilizzare un pennello bianco per dare maggiore luminosità.
La cosa migliore per non lanciarsi in un lavoro impreciso sarebbe quella di avere una selezione dell’area su cui lavorare.
Bene, vediamo come avere una selezione precisa.

Lo strumento che ci aiuterà è “Intervallo colori…” (Tendina “Selezione” del Menù).
Questa è una via abbastanza potente per ottenere delle selezioni tramite colori o valori tonali. Infatti in questo caso sceglieremo di creare la nostra selezione partendo dai “mezzitoni”

Selezione-(prima-parte)

I valori su cui possiamo intervenire per affinare la selezione della scia sono: Tolleranza ed Intervallo.
Dopo vari tentativi mi sono accorto che a causa della brusca variazione di tonalità del cielo è impossibile isolare perfettamente la scia. Se sono preciso nella parte più alta, non lo sono in quella più bassa, e se procedo al contrario mi perdo una parte di striscia luminosa.
Nell’immagine a fianco è evidente di come sia precisa la selezione finchè il cielo non inizia ad interferire rientrando lui stesso nell’intervallo di luminosità.
Credo che a questo punto la strada sia quella di creare due selezioni distinte.

Diamo l’Ok alla prima selezione

Per salvare questa selezione e usarla più tardi dobbiamo farla diventare un “canale”, esattamente con il Rosso, il Verde ed il Blu.
Clicchiamo quindi sulla seconda icona raffigurante un rettangolo con un cerchio nella riquadro dei canali.

Salva-selezione

Grazie a questo comando la nostra selezione diventa un canale pronto ad essere utilizzato come una maschera per qualsiasi operazione futura.

Selezione-)sec-parte)
Ora dobbiamo selezionare la parte inferiore della scia.
Stesso procedimento di prima:
-Intervallo colori
-Selezione sui mezzitoni e regoliamo i valori finché non otteniamo il risultato corretto
Io mi sono accontentato di questa selezione a fianco
-Do l’Ok
-Salvo il tutto nei canali
(magari li rinomino per non confonderli in quanto visivamente molto simili)

E adesso?
Adesso possiamo sbiancare la scia finalmente!
Come?
Io direi di creare un livello vuoto, ma non un semplice livello.
Un livello di grigio medio (128r/128g/128b), particolare formula che lo rende trasparente e non distruttivo dell’immagine sottostante.

Creiamo un nuovo livello tramite l’apposita iconcina, ma mentre clicchiamo teniamo premuto ALT sulla tastiera.
La finestra che si aprirà ci permetterà di creare un nuovo livello con già alcune proprietà.
Scegliamo come metodo “luce soffusa” e spuntiamo la casella “Riempi col colore neutro”
È su questo livello che andremo a lavorare. Ma per essere precisi precisi useremo i due canali creati, e li useremo come maschere di livello.
Come si fa?
-Tengo premuto CTRL e clicco sul primo canale
-Seleziono il livello di grigio appena creato
-clicco sull’icona di creazione della maschera di livello.

Fantastico! il canale è diventato una maschera!
Ora procederemo con un pennello bianco direttamente sul livello grigio (una sorta di “scherma”), tranquilli del fatto che la maschera limiterà notevolmente, o azzererà del tutto le eventuali sbavature.
(Per comodità ho zoommato molto sull’area e ho scelto un pennello di adeguate dimensioni)
Pian piano sbianchiamo la parte alta della scia.
Una volta fatto creiamo un secondo livello di grigio medio, ma questa volta applichiamo il secondo canale (quello che isola la parte bassa della scia)
Pennello bianco di nuovo e via….

Scia Luminosa schiarita
Scia Luminosa schiarita
Scia Luminosa originale
Scia Luminosa originale

A questo punto possiamo provare a cambiare il metedo di fusione da “luce soffusa” a “luce intesa”
Sì, funziona! ancora meglio adesso!
Se addirittura vogliamo esagerare è possibile duplicare X volte i livelli di “sbiancamento” (CTRL+J)

come fotografare la iss
Passaggio della ISS

Le operazione eseguite possono sembrare laboriose, ma l’utilizzo dei canali come maschere è molto frequente proprio per la qualità dei risultati che produce.
Ma attenzione: la strada scelta per arrivare a questo risultato NON è l’unica possibile.
Il mio consiglio è di provare a giocare con i tre canali già disponibili in qualsiasi foto (R,G,B), provate ad utilizzarli come maschere per livelli di correzione vari (curve, saturazione, bilanciamento colore).

Sperimentate sperimentate sperimentate!

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Hit enter to search or ESC to close

Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi